🥇Clicca qui e Accedi Gratis al gruppo Whats'App di Antonio Ferlito Vincitore della Traders'cup Dal 2009 non si perde un giorno di borsa🥇

Powell (FED) “falco” delude i mercati

La Federal Reserve non soddisfa i mercati. Il taglio di 25 punti base annunciato ieri, che ha portato il costo del denaro nella forchetta tra il 2-2,25% ha centrato le attese. Quello che non ha convinto è stata la guidance. In conferenza stampa il governatore Jerome Powell è suonato più “falco” del previsto spiegando che quello di ieri “non è l’inizio di una lunga serie di tagli dei tassi”. Powell ha anche precisato però di non avere detto che il taglio annunciato sarà l’unico.

Il numero uno della Fed ha definito il taglio dei tassi come “un aggiustamento della politica a metà ciclo”, citando i segni di un rallentamento globale, le tensioni commerciali degli Stati Uniti e il desiderio di aumentare l’inflazione troppo bassa.

Come sempre, ha aggiunto, le decisioni della Fed dipenderanno dai dati futuri e dagli sviluppi globali, in primis le tensioni commerciali e il rallentamento dell’economia mondiale.

Livelli e previsioni sul nasdaq ed eur/usd in sala riservata 

La decisione della Fed non ha soddisfatto Donald Trump, che ha twittato sostenendo che Powell “ci ha deluso”: secondo lui “quello che il mercato voleva sentire era che questo era l’inizio di un ciclo lungo e deciso di tagli dei tassi che starebbe al passo con la Cina, la Ue e altri Paesi nel mondo”. Trump ha aggiunto: “Come al solito Powell ci ha deluso ma almeno ha messo fine alle quantitative tightening, che non sarebbe nemmeno dovuto iniziare”. Il riferimento è alla fine due mesi prima del previsto della riduzione del bilancio della Fed, gonfiato negli anni della crisi.

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati