🥇 ACCEDI IN SALA RISERVATA PRIMA DELLA SUA CHIUSURA PER INFORMAZIONI WHATSAPP +393756122630🥇

Oro, Previsioni per Dicembre 2020

Dopo il picco toccato ad agosto, il prezzo dell'oro continua gradualmente a scendere. Questo dimostra che gli investitori iniziano a preferire i prodotti più rischiosi, soprattutto le azioni, abbandonando gradualmente i beni rifugio.

L'andamento del prezzo dell'oro nelle ultime settimane, d'altronde, è esattamente opposto agli indici di Borsa: i secondi salgono, mentre il primo scende. Una discesa lenta e controllata, che però ha già visto il valore del metallo diminuire di oltre il 10% rispetto ai massimi estivi.

Qui analizziamo le previsioni per dicembre 2020, un mese che si prospetta in linea con i precedenti.

previsioni oro dicembre 2020

Ricordando la prima ondata

Durante la prima ondata, il prezzo dell'oro è sceso da 1700 a 1470$ per oncia. Quello che, almeno in quel momento, sembrava essere il prezzo di equilibrio per il metallo prezioso. Parliamo di un calo del 13,5% circa, in concomitanza con i primi allentamenti delle restrizioni in Europa.

Nei mesi estivi, soprattutto sulla scia del contagio cavalcante negli Stati Uniti, il valore dell'oncia è tornato a salire. Il picco si è toccato verso la fine di agosto, quando è diventato troppo evidente che il valore fosse ipercomprato rispetto all'equilibrio di mercato. Da quel momento è arrivata una graduale discesa, che al momento prende forza per via delle buone notizie sul fronte dei vaccini.

Anche se non possiamo ancora dire finita l'emergenza sanitaria, si sa che i mercati tendono a scontare le notizie in anticipo. Per questo, malgrado l'Europa stia vivendo un secondo lockdown, il prezzo dell'oro comincia a scendere. Da gennaio verranno anche distribuite le prime dosi del vaccino, con più di un'azienda in grado di mettere in produzione il suo farmaco.

Durante la seconda ondata:

  • Il prezzo dell'oro è partito più in alto rispetto alla prima
  • L'andamento degli indici di Borsa ha ripreso la sua corsa ai rialzi
  • Sono terminate le elezioni presidenziali negli USA
  • La crisi petrolifera sta gradualmente passando
  • Sono stati annunciati dei vaccini efficaci contro il Covid-19

Questo significa che, almeno sulla carta, siamo diretti verso una correzione del prezzo dell'oro più significativa di quella della prima ondata. Una correzione, però, graduale e meno frenetica; non poche nette candele rosse, ma un andamento più smorzato da ritracciamenti e prese di profitto sulle vendite allo scoperto.

Il vaccino smuove i mercati, ma non li stravolge

Sarebbe davvero riduttivo pensare che gli annunci di Pfizer e Moderna siano la certezza definitiva che l'emergenza sanitaria è passata. E se l'emergenza sanitaria non passa, il prezzo dell'oro continuerà a salire.

In questo momento c'è ancora un margine di incertezza importante che tiene a galla il valore dei metalli preziosi. Tanto per cominciare, bisognerà affrontare la sfida di produrre il vaccino su larga scala. Il secondo nodo da sciogliere riguarda la distribuzione: la soluzione di Pfizer è molto ostica a livello logistico, mentre quella di Moderna sembra più pratica. Da ultimo, il punto più importante: quanto sarà duratura l'immunità?

In questo momento il prezzo dell'oro sconta questi dubbi, per cui bisogna fare attenzione sia agli acquisti che alle vendite allo scoperto. Qualunque buona notizia sui test di laboratorio, sulla produzione e sull'efficacia del vaccino metterà ancor più sotto pressione il prezzo dell'oro. Allo stesso tempo, qualunque cattiva notizia può farne aumentare il valore.

Buoni del Tesoro USA: l'elemento da osservare

I beni rifugio per eccellenza sono i metalli preziosi, ma da sempre i titoli di Stato delle economie sviluppate seguono a ruota. E in questo momento i rendimenti dei bond americani si stanno alzando parecchio, facendoci chiedere se gli investitori preferiranno i titoli con cedola.

L'andamento dei bond a stelle e strisce sarà sicuramente influenzato da alcuni fattori importanti.

Tanto per cominciare, i dati macroeconomici rilasciati a dicembre  a sorbire l'effetto della seconda ondata. Anche se si parla di meno di seconda ondata negli Stati Uniti, a novembre i dati sui contagi sono andati decisamente male. Questo è anche, in parte, responsabile dell'andamento dei tassi di interesse.

Il secondo elemento di incertezza riguarda il tanto atteso stimolo fiscale che dovrebbe aiutare l'economia a uscire dalla crisi. Per il momento manca ancora l'accordo tra la House of Representatives, lo staff presidenziale e il Senato. Se dovesse arrivare una buona notizia su questo fronte, potremmo vedere una battuta d'arresto notevole nell'aumento dei rendimenti delle obbligazioni governative.

Attenti all'inflazione

Comprare oro è anche un modo per difendersi dall'inflazione. Soprattutto per difendere la liquidità che i grandi fondi non hanno ancora deciso come impiegare.

In questo momento la quotazione scende perché le buone notizie sul vaccino stanno arrivando di settimana in settimana; dall'altra parte, però, i vaccini non cancelleranno con un colpo di spugna l'enorme debito pubblico che la pandemia ha causato. Per questo ci vorranno anni di tassi di interesse bassi, che significa anni di inflazione.

L'inflazione spinge la quotazione dell'oro per via degli acquisti, ma non soltanto; sia a Londra che sul Comex, dove l'0ro è quotato, le banche centrali stanno praticando politiche particolarmente espansive e inflattive. E se il dollaro e la sterlina sono più deboli, la quotazione dell'oro in dollari o sterline sale

Resoconto complessivo

Nel breve termine sembra che l'oro sia destinato a continuare la sua discesa, sull'onda delle buone notizie che riguardano i vaccini. In questo momento prevale, per gli investitori, la paura di venire tagliati fuori da un forte recupero del mercato azionario che potrebbe dare grande slancio agli indici di Borsa.

Anche l'insediamento dell'amministrazione Biden, percepita come più aperta al commercio e al dialogo internazionale, sembra essere stato accolto molto bene dai mercati.

Sul lungo termine le cose cambiano, perché entrano in gioco i fondamentali dell'economia: bassi tassi di interesse, grande probabilità di inflazione sopra la media nelle economie sviluppate, il rischio che si stia andando verso una nuova bolla speculativa digitale. Nei prossimi 3-5 anni è molto probabile che il prezzo dell'oro recuperi dall'abisso in cui sta sprofondando, ma in cui al momento non ha ancora finito di sprofondare.

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati